Cerca

libro

titolo: Change&Coach®. Un approccio integrato all'eccellenza organizzativa

I nostri Partners

  • Ius&Web Informazione Giuridica
  • Weblegal - consulenza legale
  • IIM
  • Business World
  • Francoangeli
  • Scint
  • Temporary Management
  • Mercatoglobale
  • Elleccere
  • Morelli & Lippolis
  • mito4
  • Mymarketingnet
Sei in: Home / Web
Scrivici Segnala Commenta

Il Budget in Advertising online in un e-commerce

scritto da Massimiliano Masi - m.masi@e-development.it 11/04/2016

Il Budget in Advertising online in un e-commerce

Articoli correlati

Quanto deve spendere in Pubblicità e Advertising online un e-commerce? Qual è il budget da destinare in fase di start up e, quanto in fase di sviluppo e gestione stesso negozio?

Sono alcune delle domande alle quali il team E-development è chiamato spesso a rispondere quando un imprenditore vuole investire in un e-commerce. Ecco le nostre risposte e considerazioni:

 Quali sono gli strumenti di Adv online

La pubblicità online serve per portare nuovi clienti sul sito. I principali  strumenti che si usano per promuovere un sito sono:

- Keywords Adverting/Google Adwords: Nel 2015 secondo una ricerca di Casaleggio Associati è stata la forma di advertising online più utilizzata (29% degli investimenti in Pubblicità per i negozi e-commerce). E’ una forma di pubblicità online in cui un inserzionista paga per avere un annuncio in 1a posizione su Google o altri motori di ricerca quando un potenziale cliente usa una parola o frase nella ricerca su Internet (ad esempio se cerco la parola e-commerce sono in prima posizione per ogni volta che un utente cerca questa parola su Google). Il costo di questi annunci viene calcolato per Click (CPC= Cost per Click o PPC= Pay per Click) e non è tra i più economici tra gli strumenti di pubblicità online.

- Comparatori di prezzo come Google shopping o TrovaprezziSono strumenti molto efficaci e quindi con un costo di conversione relativamente basso soprattutto se l'e-commerce che stiamo promuovendo è competitivo sul fronte del prezzo.

- Banner, Rete Display e Retargeting: Sono nomi diversi da associare alle pubblicità che promuovono un e-commerce attraverso un annuncio fatto con immagini o video su una pagina web. E’ uno strumento sul quale hanno investito circa il 5% degli e-commerce italiani (fonte Ricerca Casaleggio Associati) anche perché ha un costo d’acquisizione piuttosto alto vosto che migliora a Brand awareness di un’azienda ma risulta meno incisivo sulle conversioni alla vendita.

Quali sono i vantaggi della Pubblicità online:

- Budget Limitati: Nonostante negli ultimi anni sia cresciuto notevolmente, il costo della pubblicità online resta nettamente inferiore a quello di qualsiasi altro strumento di comunicazione. Anche con Campagne pubblicitarie da €500/1.000 mensili possono avere risultati interessanti.

- Flessibilità: E’ possibile modificare le campagne pubblicitarie utilizzando correttamente i pannelli di controllo dei vari strumenti (Google Adwords; Google Shopping; Trovaprezzi; Criteo; ecc.). Con pochi click e molta "testa" si può modificare, sospendere o ri-attivare una qualsiasi pubblicità online.

- Misurabilità dei risultati: mentre per alcuni strumenti come la TV, radio o la cartellonistica è molto complicato misurare in maniera precisa i risultati raggiunti per l’advertising online puoi verificare quasi in tempo reale sia il budget impiegato che l’efficacia degli investimenti fatti.

Tempi e Costi dell’advertising online   

Attivare e monitorare i risultati di una campagna pubblicitaria su Internet è molto semplice e veloce. Dall'esperienza E-development sul campo su diversi clienti ecco alcune semplici indicazioni:

1. Timing: Se stai attivando una campagna su un nuovo e-commerce datti 3 mesi di tempo per valutare le scelte pubblicitarie pretendendo da chi ti sta gestendo le campagne (free lance, agenzie o personale interno) dei report settimanali da condividere e discutere per migliorare le performance della campagna.

2. Budget iniziale (3 mesi): In fase di start Up un budget di € 1.000 mensili per i primi 3 mesi può essere sufficiente per capire i livelli di redditività delle campagna.

3. Budget anno 1 : Dopo i primi 3 mesi di test è a nostro avviso necessario dimensionare il budget pubblicitario al fatturato con un target che può essere per l’anno 1 pari al 10% del fatturato.

4. Budget in fase di crescita e con una strategia di market share: Nel caso in cui il vostro e-commerce si propone l’0biettivo di crescere in termini di acquisizione clienti e fatturato il budget da usare in comunicazione online deve essere tra il 4 e il 7% del fatturato.

5. Budget per una strategia che punta al break even: Se invece la priorità dello store online è raggiungere il break even, l’advertising online non deve superare il 3% del fatturato.

Se vuoi saperne di più contatta Massimiliano Masi (m.masi@e-development.it )

[vai all'archivio]

I commenti degli utenti

Non ci sono commenti.

[lascia un commento]

Leggi anche:

Nome (*)
Email (*)

Oggetto (*)
Commento (*)

Codice invio (*)

* campi obbligatori. L'email non verrà pubblicata.

E-mail del destinatario:



Il tuo nome:

(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({});