L’attenzione alla qualità di vita degli animali domestici è cresciuta a vista d’occhio negli ultimi anni, sia per motivi culturali che per un ritrovato benessere economico. Dall’analisi del Team E-development un’occhiata al mercato del Food per cani e gatti in Europa.

Abbiamo analizzato i 5 Paesi con maggior fatturato in Europa (Regno Unito, Germania, Francia, Italia e Spagna) più una Nazione emergente (Polonia) per rispondere a questa domanda.

Il mercato del Food per cani e gatti in Europa.

Il valore sviluppato dalla vendita di alimenti, in quanto bene di prima necessità, può essere un buon indicatore dell’andamento del mercato pet nel suo complesso.

I tre paesi che sviluppano il valore più alto sono Il Regno Unito (€ 3.680 mln), la Germania (€ 3.429 mln) e la Francia (€ 3.330 mln). Potremmo non essere sorpresi, tuttavia è interessante osservare come stacchino di oltre 1 miliardo l’Italia, mantenendo contemporaneamente tassi di crescita più importanti. Fa eccezione il Regno Unito, unico Paese in calo tra quelli considerati.

La prospettiva dei tassi di crescita è molto methyltrienolone curiosa. Su tutti colpisce come la Germania sia ancorata al suo terzo posto anche qui, sebbene abbia un mercato con un valore già molto importante. I Paesi fanalino di coda per fatturato sviluppato qui diventano primi, con Polonia e Spagna a tassi di crescita veramente sostenuti a +6,28% e +3,96%.

Andare in profondità, i fenomeni che muovono il pet food

Le motivazioni di questa crescita sono diverse, fermo restando l’umanizzazione dell’animale domestico trasversale in tutti i Paesi avanzati. Per la Spagna è stata importante la lotta al randagismo compiuta dal governo negli ultimi cinque anni. Ciò ha portato ad un maggior numero di animali tenuti in casa di cui curarsi. In Polonia, invece, è in atto un cambiamento sociale tipico dei Paesi in via di sviluppo: lo spostamento della popolazione dalle zone rurali alle città.

Infatti, dall’analisi emerge come la crescita del Pet sia un fenomeno trasversale in Europa, anche in Paesi dove i valori potrebbero sembrare poco interessanti. Ad esempio, le famiglie polacche spendono meno delle famiglie dei Paesi considerati, ma il valore risente della conversione della moneta locale, molto debole rispetto all’Euro. Inoltre, in Polonia si registra una crescita trasversale in molti settori: economia, cultura, urbanizzazione ecc.

Anche i Paesi avanzati economicamente mantengono una crescita stabile per il pet food, ad eccezione del Regno Unito dove altri fenomeni stanno portando il valore del mercato verso una stabilizzazione che lo rende poco appetibile.

Alla luce di queste considerazioni, si può affermare che la crescita della Pet Economy sia un settore sul quale concentrare le proprie attenzioni, sia nelle economie mature che in quelle emergenti.