Cerca

libro

titolo: Change&Coach®. Un approccio integrato all'eccellenza organizzativa

I nostri Partners

  • Ius&Web Informazione Giuridica
  • Weblegal - consulenza legale
  • IIM
  • Business World
  • Francoangeli
  • Scint
  • Temporary Management
  • Mercatoglobale
  • Elleccere
  • Morelli & Lippolis
  • mito4
  • Mymarketingnet
Sei in: Home / Web
Scrivici Segnala Commenta

Internet sbarca nei cieli

20/01/2008

Si preannuncia come la novità del 2008. Si tratta della possibilità di collegarsi ad internet durante i viaggi aerei. Un servizio richiesto soprattutto dai clienti business e che oggi sembra finalmente diventare realtà.

Ad inaugurare questo nuovo servizio, facendo da apripista nel mondo delle compagnie aeree, è l’americana JetBlue Airways che lo ha sperimentato in un volo sull'Airbus 320 tra New York e San Francisco.

E c’è chi giura che la compagnia ha già un piano per ampliare progressivamente il Wi-Fi, per il momento gratuito, a tutta la flotta.

Un impegno di cui la compagnia si farà carico se questo lancio riscuoterà il successo previsto e se troverà conferma l'ipotesi secondo cui la maggior parte dei viaggiatori interessati è pronta a pagare per usufruire di questo servizio.

Un esempio che presto potrebbe essere seguito anche da American Airlines, Virgin America e Alaska Airlines, che dovrebbero rendere la connessione disponibile entro i prossimi mesi. L’intento delle compagnie aeree è consentire accessi alla rete anche sugli aerei, individuando una nuova fnte di profitto. Un obiettivo non semplice raggiungere, visto che gli aerei viaggiano ad oltre 800 km orari e ad un’altezza di 10.000 metri.

«Credo che nel 2008 ci sarà una forte espansione di questo tipo di servizi - ha detto Henry Harteveld, analista della società di ricerca Forrester Research - e nel giro di due anni volare su un aereo senza Internet sarà come entrare in una stanza d’albergo senza televisione». Le evoluzioni dell'esperimento della JetBlue sono ancora tutte da verificare. Non è certo la prima volta che si parla di internet a bordo degli aerei americani (l'ipotesi di conversazioni telefoniche attraverso la rete cellulare resta molto lontana), un'introduzione che per anni è stata frenata dalle minacce terroristiche che incombono sugli Usa dall'11 Settembre 2001. Né mancano le perplessità su un servizio che, al momento del lancio, presenta evidenti limiti.

Innanzitutto sull'aereo della JetBlue le connessioni sono lente e potranno accedere ad Internet i soli possessori di computer portatile o di telefono palmare di marca Blackberry. I servizi che si potranno utilizzare sono solamente la posta elettronica e la messaggeria istantanea di Yahoo!, sulle pagine allestite dal colosso di Sunnyvale. Chi tenterà di collegarsi a servizi concorrenti come quelli di Google, verrà dirottato sul sito creato appositamente da Yahoo!

Inoltre, come per i lettori musicali di tipo iPod, i lettori di dvd e i laptop in generale, il servizi sul web potranno essere utilizzati soltanto al di sopra dei 10.000 piedi di altezza, mai in fase di decollo o di atterraggio.

[vai all'archivio]

I commenti degli utenti

Non ci sono commenti.

[lascia un commento]

Leggi anche:

Nome (*)
Email (*)

Oggetto (*)
Commento (*)

Codice invio (*)

* campi obbligatori. L'email non verrà pubblicata.

E-mail del destinatario:



Il tuo nome:

(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({});