Cerca

libro

titolo: Change&Coach®. Un approccio integrato all'eccellenza organizzativa

I nostri Partners

  • Ius&Web Informazione Giuridica
  • Weblegal - consulenza legale
  • IIM
  • Business World
  • Francoangeli
  • Scint
  • Temporary Management
  • Mercatoglobale
  • Elleccere
  • Morelli & Lippolis
  • mito4
  • Mymarketingnet
Sei in: Home / Web
Scrivici Segnala Commenta

Dalle aste online all’e-commerce: la nuova strategia eBay

scritto da Rosvanna Lattarulo - r.lattarulo@e-development.it 21/12/2012

Dalle aste online all’e-commerce: la nuova strategia eBay

Articoli correlati

Sono circa 31mila le aziende italiane che utilizzano eBay per la vendita dei propri prodotti. Se un tempo eBay concentrava il suo core business sulla vendita di prodotti usati da parte di utenti privati, oggi il sito cambia volto e si concentra soprattutto su oggetti nuovi.

Il 64% degli oggetti che sono stati venduti in tutto il mondo attraverso eBay sono nuovi e proposti da un target aziendale con la formula del “compralo subito” che prevede un prezzo fisso e non più oscillante in base all’andamento delle offerte lanciate in rete. Il fatturato del sito è stato nel 2011 di ben 62 miliardi ed il traffico ha raggiunto valori da capogiro: oltre 105 milioni di utenti e 25 milioni di venditori.

 

EBAY IN ITALIA – il cambiamento del colosso delle aste online ha riguardato anche il nostro Paese. In Italia, infatti, eBay vanta numeri davvero importanti:

• oltre 11 milioni di utenti unici mensili

• 1 miliardo di pagine viste

• 18 milioni di annunci

• 6.700 categorie

• 31mila venditori professionali.

 

Il successo del sito si deve per gran parte allo start up low cost: “i costi di avviamento di un negozio sulla nostra piattaforma sono irrisori - spiega Barbara Bailini, responsabile marketing dell’area B2C - ed è una risorsa molto utile perché si nota un chiaro trend di crescita di acquisti online, con un +12% anno su anno a fronte di calo del 2% per il commercio tradizionale”.

La strategia eBay oggi punta su 4 driver principali che stanno determinando profondi cambiamenti nel settore del commercio:

1. mobilità

2. local

3. digitalizzazione

4. social.

 

L'offerta eBay per le aziende – per incentivare la presenza di aziende sulla propria piattaforma di vendita il sito ha semplificato i sistemi di vendita online proposti alle aziende di ogni dimensione, compresi grandi brand come come Euronics, Kappa, Monclick, K-Way, Cisalfa.

“In cinque sezioni del sito raggiungibili dalla home page che abbiamo appena presentato - conclude Bailini - abbiamo riassunto quel che serve ai venditori professionali: aprire l’attività su eBay, migliorarla, strumenti da usare e altre utility, vendita in sicurezza e infine tutto quel che c’è da sapere sulla normativa. I parametri con i quali valutiamo se un venditore è premium sono quattro e servono a dare garanzia agli utenti e a premiare i migliori negozi online sulla nostra piattaforma: un circolo virtuoso che funziona molto bene”.

I venditori professionali interessati alle vendite su eBay possono scegliere tra 3 opzioni:

1. servizio base: 19 euro al mese con pagamento delle inserzioni presentate

2. servizio medio: 39 euro con una visibilità maggiore e in cui non si pagano le inserzioni

3. servizio internazionale per i seller con grandi volumi di traffico: 299,95 euro per essere visibili in tutti i mercati europei più Stati Uniti e Australia.

[vai all'archivio]

I commenti degli utenti

Non ci sono commenti.

[lascia un commento]

Leggi anche:

Nome (*)
Email (*)

Oggetto (*)
Commento (*)

Codice invio (*)

* campi obbligatori. L'email non verrà pubblicata.

E-mail del destinatario:



Il tuo nome:

(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({});