Cerca

libro

titolo: Change&Coach®. Un approccio integrato all'eccellenza organizzativa

I nostri Partners

  • Ius&Web Informazione Giuridica
  • Weblegal - consulenza legale
  • IIM
  • Business World
  • Francoangeli
  • Scint
  • Temporary Management
  • Mercatoglobale
  • Elleccere
  • Morelli & Lippolis
  • mito4
  • Mymarketingnet
Sei in: Home / Web
Scrivici Segnala Commenta

Web: consumatori ed aziende nel Terzo Osservatorio E-Business

11/04/2011

Il Terzo Osservatorio Italiano sull'e-Business realizzato da eBit Innovation e Demoskopea, che ha fotografato la stato di adozione delle tecnologie web di nuova generazione da parte delle imprese e degli utenti della Rete si è concluso con la premiazione di alcune aziende leader sul web e nella attivazione di strumenti di interazione online come Ikea, Intesa Sanpaolo, Coca Cola, Mediaworld, Nokia, Dolce & Gabbana, Esselunga, Ducati.

Al di là dei premi attribuiti, l'Osservatorio aiuta a comprendere l’evoluzione del comportamento dei consumatori italiani nella scelta di un prodotto e l’approccio delle imprese verso servizi e strumenti di e-business, prendendo in esame un campione di 1.000 consumatori con caratteristiche socio demografiche rappresentative dell'internauta italiano e oltre 420 top manager di aziende con un fatturato medio di circa 385 milioni di euro.

INTERNAUTI -
Le diverse tipologie di community on line, social network compresi, giocano sempre più un ruolo di primo piano nella partita decisionale di acquisto (il cosiddetto info-commerce).
La quasi totalità (il 98%) degli utenti raccoglie informazioni sui prodotti o confronta i prezzi sul web. Un terzo (il 32%) ripete queste operazioni a cadenza quotidiana, mentre il 67% effettua almeno 1 acquisto in Rete al mese. Il 31% svolge attività quotidiane sui social network.
Il 27% dei navigatori visita mediamente 1 volta ogni 3 giorni la pagina su facebook di un marchio per cercare informazioni commerciali. Blog, forum e community sono ritenuti i canali più affidabili dal 41% del campione (era il 35% nel 2010); il 30% indica i siti istituzionali, quale fonte più attendibile.

AZIENDE -
Nel 2010, il 69% delle aziende campioni aveva dichiarato di incrementare i propri investimenti dell'11%, quest'anno il 76% stima un incremento di budget di quasi il 24%. Si tratta di un salto in avanti, dovuto per gran parte alla maggiore convinzione del management circa gli impatti positivi sulla redditività aziendale riconducibili alle attività realizzate online.
La carenza di interlocutori competenti, sia interni che esterni all'azienda, resta ancora il principale ostacolo ad una maggiore diffusione.
Le aziende destinano circa il 5% del budget di marketing ai social network. Il 58% sviluppa azioni di fidelizzazione (comprendendo anche la creazione di gruppi di discussione o la pubblicità su Facebook e simili); il 25% sviluppa applicazioni per i dispositivi mobili. Infine, il 43% assicura di avere una propria pagina su Facebook.
Proprio durante la presentazione dell’Osservatorio è stato consegnato un riconoscimento per la miglior pagina "Social" al brand Nutella (Ferrero), che supera in classifica Max Factor (Deborah Group) e Ikea.
Internet, oltre a strumento di comunicazione ed interazione, è anche un canale utile a gestire le transazioni commerciali per il 46% delle aziende che operano sul fronte dell'e-commerce (pari all'11% del totale dei ricavi totali) e il 39% che gestisce on line acquisti di tipo b2b (business to business).
Il display advertising, con il 74% di penetrazione, è ancora la scelta prioritaria seguita dai servizi di Google per l'ottimizzazione del sito per i motori di ricerca (al 70%) e l'acquisto di parole chiave (al 72%). Il 63% del campione segnala l’impegno Youtube.

[vai all'archivio]

I commenti degli utenti

Non ci sono commenti.

[lascia un commento]

Leggi anche:

Nome (*)
Email (*)

Oggetto (*)
Commento (*)

Codice invio (*)

* campi obbligatori. L'email non verrà pubblicata.

E-mail del destinatario:



Il tuo nome:

(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({});