Cerca

libro

titolo: Change&Coach®. Un approccio integrato all'eccellenza organizzativa

I nostri Partners

  • Ius&Web Informazione Giuridica
  • Weblegal - consulenza legale
  • IIM
  • Business World
  • Francoangeli
  • Scint
  • Temporary Management
  • Mercatoglobale
  • Elleccere
  • Morelli & Lippolis
  • mito4
  • Mymarketingnet

Franchising: dall段dea al business

20/07/2010

Franchising: dall段dea al business

Articoli correlati

Se trasformare un’idea in un progetto imprenditoriale è un’attività complessa, ricca di tantissime variabili, è ancora più complicato riuscire a progettare un format facile e veloce da replicare n. volte. Il franchising è un modello di business che presuppone la creazione di una rete composta da un vertice, il franchisor, e da un determinato numero di anelli, i franchisee, che trovano nel vertice il proprio punto di riferimento.

Per creare un modello di business efficace, che possa essere facilmente replicato anche a distanza, è necessario impostare il progetto imprenditoriale bene. Perché chi ben comincia è, se non a metà, almeno a buon punto della sua opera. Ma attenzione: il passaggio dall’intuizione allo sviluppo del business non è poi così breve. Il format deve essere infatti modulare, personalizzabile e flessibile nel tempo di modo che risulti sempre valido e competitivo.

Gli elementi legati all’affiliazione da tenere in considerazione sono numerosi: si va dagli aspetti normativi (come la legge 129 /2004 relativa all’affiliazione commerciale), alla definizione di una proposizione valida, fino ad un’organizzazione impeccabile che consenta di attivare processi accurati di selezione dei propri franchisee, fattore cruciale della rete franchising, in quanto il fallimento di uno degli anelli della catena può ripercuotersi negativamente su tutta la rete. Per la complessità del progetto si ritiene utile coinvolgere nel team dei professionisti qualificati ed eterogenei in grado di apportare competenze specifiche in tutti gli ambiti: commerciale, marketing, organizzativo, legale, ecc.

A tal proposito per i progetti che nascono dal nulla potrebbe essere utile partire con un’analisi preliminare affidandosi a consulenti esterni che non necessitano di assunzioni e che operano per obiettivi. Nella fase iniziale, quando bisogna decidere se investire o meno in un nuovo business può essere utile farsi supportare dai numeri: meglio evitare di lasciarsi guidare solamente dalle proprie intuizioni. In sintesi il primo step utile è quello di investire nella redazione di un business plan: in grado di aiutare l’imprenditore a compiere scelte consapevoli. Solo dopo aver valutato attentamente la fattibilità e sostenibilità del business si può passare allo sviluppo del progetto medesimo.

[vai all'archivio]

I commenti degli utenti

Non ci sono commenti.

[lascia un commento]

Leggi anche:

Nome (*)
Email (*)

Oggetto (*)
Commento (*)

Codice invio (*)

* campi obbligatori. L'email non verrà pubblicata.

E-mail del destinatario:



Il tuo nome:

(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({});