Cerca

libro

titolo: Change&Coach®. Un approccio integrato all'eccellenza organizzativa

I nostri Partners

  • Ius&Web Informazione Giuridica
  • Weblegal - consulenza legale
  • IIM
  • Business World
  • Francoangeli
  • Scint
  • Temporary Management
  • Mercatoglobale
  • Elleccere
  • Morelli & Lippolis
  • mito4
  • Mymarketingnet

Ecco perché alcuni mercati sono protetti

16/02/2007

In Italia esistono diversi mercati “regolamentati”, percepiti il più delle volte come ingiusti sistemi di protezione di casta (vedi il caso dei liberi professionisti o dei giornalisti). La regolamentazione di questi mercati (le libere professioni, le licenze per i taxi, le vendite di prodotti primari come il pane, ecc.) originariamente è stata introdotta con l’intento di tutelare i cittadini.

Una tutela che il legislatore ha ritenuto di estendere a tutti quei settori ritenuti strategici (es. beni di assistenza come i farmaci o di prima necessità, come il pane) in virtù di una “asimmetria d’’informazione”, ovvero dell’assenza da parte dei consumatori di competenze per poter valutare un bene o servizio.

Facciamo un esempio concreto. Se un privato cittadino ha necessità, ad esempio, di una consulenza da parte di un avvocato o un commercialista per risolvere un problema, non sempre sceglie il più bravo, in quanto il più delle volte non è in grado di valutare le competenze o le soluzioni prospettate.

Il legislatore ha quindi cercato di porre un rimedio istituendo gli albi settoriali e gli ordini professionali che avrebbero dovuto garantire per tutti gli iscritti una comprovata competenza, professionalità e il rispetto del codice deontologico.

Sebbene a livello teorico, questo sistema non faccia una piega, in Italia, purtroppo gli albi professionali hanno finito col diventare solo strumenti di protezione per gli associati senza riuscire a garantire sempre qualità, conoscenza ed informazione al cliente. Ma non erano nati per dare assistenza ai cittadini?

[vai all'archivio]

I commenti degli utenti

Non ci sono commenti.

[lascia un commento]

Leggi anche:

Nome (*)
Email (*)

Oggetto (*)
Commento (*)

Codice invio (*)

* campi obbligatori. L'email non verrà pubblicata.

E-mail del destinatario:



Il tuo nome:

(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({});