Cerca

libro

titolo: Change&Coach®. Un approccio integrato all'eccellenza organizzativa

I nostri Partners

  • Ius&Web Informazione Giuridica
  • Weblegal - consulenza legale
  • IIM
  • Business World
  • Francoangeli
  • Scint
  • Temporary Management
  • Mercatoglobale
  • Elleccere
  • Morelli & Lippolis
  • mito4
  • Mymarketingnet

Apple: brand più forte nel mondo

25/05/2011

Apple batte Google, stando alla classifica globale stilata dalla società Millward Brown in base al valore stimato dei marchi. Grazie al boom dell'iPad, infatti, la celebre mela morsicata mette a segno un rialzo dell'84%, conquistando la vetta della classifica con il valore di 153,28 miliardi di dollari.
 
"Innovando costantemente e arricchendo il suo marchio, Apple ha mantenuto la sua capacità di vendere i prodotti a un prezzo 'premium' anche in periodi di incertezza economica” commenta Eileen Campbell direttore generale della Millward Brown. Apple ormai è un brand di importanza planetaria che è riuscita ad imporre modelli di business cui sono in tanti a trarre ispirazione. Il balzo è ancora più rilevante perché il rialzo permette ad Apple di scalzare Google dalla vetta della classifica dei marchi più redditizi, dopo un predominio incontrastato da parte di Big G che si protraeva ormai da 4 anni.

La Millward Brown indica per Google una riduzione del -2%, con un valore di stimato di 111,5 miliardi di dollari, nonostante il leader dei motori di ricerca abbia messo a segno un importante e positivo colpo con Chrome nel settore dei browser online e con Android, il sistema operativo che, ricorda Campbell, "ancora però deve dare i suoi frutti".

La battaglia tra i brand proseguirà nei prossimi mesi e Google è tutt’altro che fuori dai giochi: "Google è ancora un avversario temibile e resta uno dei marchi più ambiti e importanti" spiega il dirigenti. Oltre all’ascesa di Android per la quale si dovrà attendere ancora, a pensalizzare Google, la Millward Brown sarebbero stati anche gli investimenti nelle piattaforme mobili e l'uscita dal mercato cinese.

Il brand IBM occupa la terza posizione in classifica, con un incremento del +17% ed un valore di 100,85 miliardi, subito prima di del gigante dei fast food McDonald's (81 miliardi di dollari). Quinta la Microsoft (78,24 miliardi) che anticipa il brand Coca Cola (73,75 miliardi). Per trovare qualche brand italiano bisogna scorrere la classifica fino al 75esimo posto, dove troviamo Telecom Italia (11,609 miliardi). 95esimo e ultimo brand italiano in classifica è Tim con un valore stimato di 8,838 miliardi di dollari.

Ben 8 dei primi 10 brand presenti in classifica continuano ad essere americani, ma c’è spazio anche per la Cina che avanza. Sono cinesi, infatti, 12 marchi nella top 100. E il dato che rende bene la crescita del gigante asiatico è che fino allo scorso anno i brand in classifica erano solo 7. Migliorano anche il Brasile, la Russia e l'India.

Il brand che corre di più, neanche a dirlo, è stato Facebook (+246%) che occupa il 35esimo posto in classifica (19,1 miliardi di dollari). Interessante risulta anche l'avanzata del motore di ricerca Baidu (al 29esimo posto con una stima di 22,6 miliardi).

In termini di sorpassi, sorprende poco quello messo a segno da Amazon, primo retailer ad andare online, su Walmart che “gode oggi di una credibilità e di una fiducia superiori alla media", commenta Campbell. E cresce anche la Toyota nonostante la crisi che ha investito pesantemente il settore automotive.

Buoni i risultati del settore assicurativo e dei fast food, mentre restano un po’ fermi i marchi di prodotti per la cura del corpo, dove primeggiano L'Oreal e Lancome che supero Gillette, Procter & Gamble Co. e Pampers.

[vai all'archivio]

I commenti degli utenti

Non ci sono commenti.

[lascia un commento]

Leggi anche:

Nome (*)
Email (*)

Oggetto (*)
Commento (*)

Codice invio (*)

* campi obbligatori. L'email non verrà pubblicata.

E-mail del destinatario:



Il tuo nome:

(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({});