Cerca

libro

titolo: Change&Coach®. Un approccio integrato all'eccellenza organizzativa

I nostri Partners

  • Ius&Web Informazione Giuridica
  • Weblegal - consulenza legale
  • IIM
  • Business World
  • Francoangeli
  • Scint
  • Temporary Management
  • Mercatoglobale
  • Elleccere
  • Morelli & Lippolis
  • mito4
  • Mymarketingnet
Sei in: Home / Numeri e fatti
Scrivici Segnala Commenta

E boom di vendite per i tablet. Possibile sorpasso sui notebook nel 2013

scritto da La redazione - redazione@spazioimpresa.biz 09/05/2013

Schermi sempre più touch screen che possono essere comandati tramite la punta delle I  dati ufficiali diffusi da Idc per il I trimestre 2013 relativo alle vendite di tablet indicano un incremento anno su anno del 142,5% con volumi di vendita pari a 49,2 milioni.

 

Il sorpasso delle vendite dei tablet rispetto ai tradizionali notebook è quindi ormai solo questione di tempo e secondo alcuni potrebbe avvenire già quest’anno.

 

Ne sono convinti gli analisti di Npd DisplaySearch, secondo cui il sorpasso potrebbe avvenire proprio quest’anno. Le consegne di tabel dovrebbero sfiorare quota 256,5 milioni su scala globale, in crescita del 67% rispetto al 2012. Per i portatili tradizionali invece non si prevedono particolari variazioni rispetto al consuntivo dell’anno passato. Secondo Npd a fine dicembre i notebook venduti saranno 203,3 milioni di pezzi, con una proiezione a 4 anni parla di volumi in discesa intorno ai 183 milioni.

 


In questo segmento la società di ricerca americana stima che i modelli ultra leggeri, come gli ultrabook a piattaforma Intel o i MacBook Air di Apple, rappresenteranno il 66% dello spedito complessivo di notebook nel 2013, percentuale che salirà all’80% nel 2017. Con una buona prevalenza dei prodotti dotati di schermi touch.

 

Le previsioni di Npd DisplaySearch sono decisamente “gonfiate” rispetto a quelle Idc, secondo cui il totale venduto 2013 dei tablet si attesterà intorno ai 175 milioni di unità e quello ipotizzato per il 2017 non eccederà i 350 milioni di pezzi.

 

In tutto questo sisegnala lo scarso impatto di Windows 8. Se gli utenti richiedono computer mobile e touch, gli analisti pensano che non sarà Windows 8 a guidare l’adozione della nuova generazione di device touch.
 Il nuovo sistema operativo di Microsoft “ha avuto un limitato impatto - secondo Ndp - nello stimolare l’adozione della tecnologia touch nei notebook a causa della limitata disponibilità di app dedicate e degli elevati costi dei pannelli”.

 

La diffusione di tablet a basso costo rivolti ai mercati emergenti stanno modificando i pesi dei diversi produttori nel mercato, dando vita ad una nuova generazione di device a tavoletta che potrebbero fare il loro ingresso anche in ambito professionale.

 

Un fenomeno che conferma un trend ormai consolidato di interesse in tutto il mondo verso le tecnologie ed i dispositivi mobile che consentono connessioni sempre ed ovunque.

[vai all'archivio]

I commenti degli utenti

Non ci sono commenti.

[lascia un commento]

Leggi anche:

Nome (*)
Email (*)

Oggetto (*)
Commento (*)

Codice invio (*)

* campi obbligatori. L'email non verrà pubblicata.

E-mail del destinatario:



Il tuo nome:

(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({});