Cerca

libro

titolo: Change&Coach®. Un approccio integrato all'eccellenza organizzativa

I nostri Partners

  • Ius&Web Informazione Giuridica
  • Weblegal - consulenza legale
  • IIM
  • Business World
  • Francoangeli
  • Scint
  • Temporary Management
  • Mercatoglobale
  • Elleccere
  • Morelli & Lippolis
  • mito4
  • Mymarketingnet

La forza dello spot

25/11/2005

Secondo una recente analisi di Valdani Vicari la trama di una pubblicità è l’elemento che colpisce di più l'attenzione degli spettatori. L'81% degli italiani ricorda con precisione uno spot e sa associarlo alla marca.

Il piccolo schermo, tra tutti i media, è quello che bombarda di più gli spettatori e con maggiore efficacia, catalizzando i più alti investimenti in advertising. Tra le 15 marche più citate dal campione, vi sono Tim che ha investito in comunicazione nei primi sei mesi del 2005 (su tutti i media) un budget di ben 65 milioni di euro (di cui 50 in Tv), Vodafone (64,8 milioni di cui 47 in Tv) e Kinder (41 milioni tutti praticamente in televisione).

Gli spot prodotti oggi sono molto apprezzati. Ad esprimere un giudizio positivo in merito è il 39,2% degli intervistati. Giudizi accompagnati anche da qualche nota negativa: gli spot oggi sono ritenuti spesso più banali e volgari, mediamente divertenti e meno comprensibili di quelli prodotti in passato.

Un altro neo che il campione lamenta è la scarsa informazione che la pubblicità fa sul prodotto, spesso offuscata dalla spettacolarità dello spot.

Quali, dunque, le caratteristiche che deve possedere una pubblicità per piacere al pubblico? Deve far ridere e divertire oppure puntare su un’informazione seria e puntuale dei prodotti pubblicizzati o delle aziende produttrici.

Meglio se lo spot ruota intorno a storie di vita reale e a personaggi comuni o se vi è un elemento inatteso che crea sorpresa e si imprime meglio nel ricordo dei fruitori. Lo spot e la sua storia sembrano essere più importanti di un testimonial di grido, di immagini ed inquadrature di ottima qualità. Dal sondaggio è emerso che al primo posto tra gli aspetti della pubblicità che gli italiani ricordano di più, infatti, c'è la storia (33,3%), seguita dai testimonial (24,8%) e dalle immagini (23,1%).

Ma c’è già chi sostiene che il valore dei testimonial in advertising stia tornando a crescere grazie alla discesa in campo di alcuni “pezzi da 90”, tra i quali soprattutto l’intramontabile senatore Giulio Andreotti che affianca Claudio Amendola e Valeria Marini negli spot già in programmazione della compagnia telefonica 3.

[vai all'archivio]

I commenti degli utenti

Non ci sono commenti.

[lascia un commento]

Leggi anche:

Nome (*)
Email (*)

Oggetto (*)
Commento (*)

Codice invio (*)

* campi obbligatori. L'email non verrà pubblicata.

E-mail del destinatario:



Il tuo nome:

(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({});