Cerca

libro

titolo: Change&Coach®. Un approccio integrato all'eccellenza organizzativa

I nostri Partners

  • Ius&Web Informazione Giuridica
  • Weblegal - consulenza legale
  • IIM
  • Business World
  • Francoangeli
  • Scint
  • Temporary Management
  • Mercatoglobale
  • Elleccere
  • Morelli & Lippolis
  • mito4
  • Mymarketingnet

Gruppi d’acquisto solidali: acquisti ragionati e consapevoli

10/07/2006

E’ una realtà ormai diffusa in tutta italia. E’ quella dei G.A.S., ovvero dei Gruppi di Acquisto Solidali che, attivi già da qualche anno, si sono costituiti con l’intento di promuovere nuove logiche negli acquisti.

E’ un fenomeno rilevante nel panorama italiano, un vero e proprio nuovo target emergente ancora poco studiato, che accoglie al suo interno varie tipologie di consumatori. Acquirenti che condividono alcuni valori fondamentali: spirito antiglobalizzazione, rispetto per l’ambiente e un orientamento politico tendente a sinistra.

Di diversa estrazione sociale, eterogenei dal punto di vista del reddito, con un titolo di studio alto ed un’ottima conoscenza delle nuove tecnologie, principalmente di Internet, i Gas hanno trovato nella rete lo spazio ideale per incontrarsi e confrontarsi. E’ via internet che questi sparuti gruppi diffusi in tutta Italia hanno iniziato a dialogare, a stabilire delle relazioni, a creare un ampio e dinamico network che con l'aiuto delle moderne tecnologie superano le distanze fisiche e si ritrovano quotidianamente sul web all’indirizzo www.retegas.org.

La loro nascita è il frutto di una decisa reazione contro le logiche imperanti pressoché ovunque della grande distribuzione. Non si lasciano attirare e abindolare da prodotti civetta, sconti e promozioni.

Al week end trascorso all’interno di anonimi ipermercati preferiscono una scampagnata con la propria famiglia e incontri con i propri amici.

Chi entra a far parte di un gas entra in un mondo fatto di valori sani: attenzione verso i metodi di produzione, retribuzioni eque e giuste dei lavoratori, bontà e tipicità dei prodotti acquistati, meglio se biologici e provenienti da realtà produttive locali, piccole ed affidabili. Non ci sono ancora numeri ufficiali che possano indicare l’entità del fenomeno, ma di sicuro questo microcosmo tanto ramificato in tutte le regioni d’Italia può costituire un’opportunità ghiotta per i tanti piccoli produttori che, schiacciati dalle logiche della grande distribuzione, cercano nuovi canali e mercati in cui proporsi.

[vai all'archivio]

I commenti degli utenti

Non ci sono commenti.

[lascia un commento]

Leggi anche:

Nome (*)
Email (*)

Oggetto (*)
Commento (*)

Codice invio (*)

* campi obbligatori. L'email non verrà pubblicata.

E-mail del destinatario:



Il tuo nome:

(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({});