Cerca

libro

titolo: Change&Coach®. Un approccio integrato all'eccellenza organizzativa

I nostri Partners

  • Ius&Web Informazione Giuridica
  • Weblegal - consulenza legale
  • IIM
  • Business World
  • Francoangeli
  • Scint
  • Temporary Management
  • Mercatoglobale
  • Elleccere
  • Morelli & Lippolis
  • mito4
  • Mymarketingnet

Social media marketing. Quali risultati?

14/10/2013

Il sito americano B2B Marketing in collaborazione con Circle Research, ha preso in esame i trend relativi al social media marketing delle aziende B2B. Ha intervistato circa 230 responsabili marketing di aziende che operano nel business to business, dati che sono stati raccolti nel Social Media Benchmarking Report.

I social media sono ormai diffusi nel marketing b2b e questo è certamente un dato positivo. L’altro lato della medaglia è che però si registrano ancora notevoli criticità: il 38% delle aziende che utilizza i social network non sembra avere una strategia definita ed il 61% non sembra avere una pianificazione attenta verso questi canali. Questo significa che il social marketing è entrato a pieno titolo nel mondo del marketing, ma il livello di integrazione sembra ancora basso.

OBIETTIVI - i principali obiettivi che le aziende si pongono nell’utilizzo dei canali sociali sono: portare traffico al sito aziendale posizionare il brand rafforzare l’immagine sul mercato.

MISURAZIONE RISULTATI - le aziende valutano l’efficacia delle azioni sui canali social prendendo a riferimento alcuni dati chiave, ovvero: - traffico generato dai social sul sito web - numero di follower (o fan) sulle diverse piattaforme - numero di download dei contenuti postati (es. PDF di ricerche, white paper etc) numero di contatti profilati, cioè i potenziali contatti commerciali, acquisiti tramite i social il ritorno sugli investimenti (ROI) è invece un aspetto ancora difficile dall’essere stimato. Per il 44% degli intervistati il ROI dei social media non può essere calcolato, il 9% non si pone nemmeno la questione, il 30% dichiara che è possibile calcolarlo qualche volta, sporadicamente, e solo il 17% pensa che si possa calcolare con un certo grado di continuità.

QUALI CANALI - le aziende b2b preferiscono twitter (l’85% dei rispondenti), seguito da linkedIn (l’82% delle aziende) e a distanza anche YouTube (77%) e Facebook (71%). Google+ è usato da una minoranza (il 36%), pur essendo visto come il social del futuro.

[vai all'archivio]

I commenti degli utenti

Non ci sono commenti.

[lascia un commento]

Leggi anche:

Nome (*)
Email (*)

Oggetto (*)
Commento (*)

Codice invio (*)

* campi obbligatori. L'email non verrà pubblicata.

E-mail del destinatario:



Il tuo nome:

(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({});